LUIGI PASQUINI 1897-1977. I Colori della Città: I vincitori della gara di pittura estemporanea

Quando

Dal 10 gennaio
al 1 febbraio 2004

Dove

Rimini, Palazzo del Podestà

La mostra

Organizzata da: Comune di Rimini, Assessorato alle Politiche Ambientali
Curatore: Michela Cesarini
Produzione e organizzazione: Anonima Talenti

Non solo apprezzato artista, ma anche letterato e promotore di eventi "made in Rimini": Luigi Pasquini, borghigiano di San Giuliano, ha attraversato la storia culturale del ‘900 della città lasciando un suo segno tangibile, ma anche segnalandosi per l`entusiastica partecipazione alla vita artistica locale, prendendo parte alle mostre collettive, ed organizzando numerose personali.

Dotato di uno stile luminoso e disinvolto, Pasquini, a ventisette anni dalla morte, torna a far parlare di sé nella sua città, protagonista di una mostra - e contemporaneamente di un`interessante iniziativa culturale -, che caratterizzerà l`inizio del 2004. Un evento che non lo vedrà però solo.

I vincitori dell`estemporanea di pittura "I colori della Città", tenutasi nel centro storico di Rimini in occasione della Domenica Ecologica del 18 maggio 2003, affiancheranno infatti l`illustre concittadino nella mostra-evento che si terrà dal 10 gennaio al 1. febbraio 2004, nei locali del Palazzo del Podestà, nella centrale Piazza Cavour di Rimini.

Paesaggi romagnoli, poetiche vedute di Rimini, illustrate attraverso l`amata tecnica dell`acquerello - quella prediletta da Pasquini - sono i protagonisti delle sue opere: le cronache locali lo ricordano infatti munito di colori e cavalletto, intento, per esempio, a documentare innumerevoli scorci della sua città. Una presenza fondamentale che lo rese il vedutista per eccellenza di una Rimini che non c`è più, colta in maniera affettuosa e pittoresca, fresca e vagamente idealizzata Sarà quindi interessante confrontare le sue visioni nostalgiche e delicate, con i lavori dei vincitori (artisti singoli e gruppi) dell`estemporanea di pittura tenutasi nel maggio del 2003. Con quest`ultima iniziativa l`Amministrazione Comunale ha voluto riempire la Città di colori e cavalletti: dunque il centro storico può essere utilizzato non solo per lo shopping o la passeggiata distensiva, per gli affari o le chiacchere con gli amici, ma anche in senso artistico, romantico e come espressione di un sentimento sensibile e raffinato quale può essere la pittura.

In questa "associazione" con Luigi Pasquini dunque ritroviamo il paesaggio e gli angoli del centro storico di allora, "visti" con mezzi espressivi, tecniche e stili di oggi: per scoprire cosa della Rimini "pasquiniana" è rimasto nella Rimini di oggi e quanto sia invece cambiata la città, e i suoi abitanti con essa.

Fotogallery