LA SISTINA E MICHELANGELO. Storia e fortuna di un capolavoro

Quando

Dal 24 agosto
al 16 novembre 2003

Dove

Rimini, Castel Sismondo

La mostra

Organizzata da: Meeting Rimini
Curatore: Francesco Buranelli, Anna Maria De Strobel e Giovanni Gentili
Segreteria organizzativa: Anonima Talenti

Il celebre ciclo pittorico della Sistina, il più noto e il più dibattuto del Rinascimento, viene indagato nella mostra alla luce dei nuovi studi che hanno accompagnato il lungo e impegnativo restauro, conclusosi in occasione del Giubileo del 2000 con la pulitura degli affreschi del Quattrocento.

Cinque le sezioni in cui si articola la mostra. La prima è dedicata a “Mito e fortuna della Sistina” ed è esemplificativa del fascino e delle influenze che la Sistina ha esercitato nei secoli in tutti i campi dell’arte e anche del costume.
La seconda sezione, dedicata alle “Origini della Cappella e sua destinazione” guida il visitatore alla comprensione del monumento, chiarendone la storia, derivata dalla precedente “Cappella Magna”, la committenza e la sua importanza nell’ambito delle Cappelle Palatine; fino al suo uso nel cerimoniale pontificio (vedi, oggi, il conclave).
“La Cappella di Sisto IV” è l’argomento della terza sezione, interamente dedicata ad illustrare la nuova costruzione voluta da Sisto IV della Rovere, che coinvolse per la sua decorazione alcuni tra i maggiori artisti del tempo: Pietro Perugino, Sandro Botticelli, Domenico Ghirlandaio e Cosimo Rosselli.
Cuore della mostra è la quarta sezione dedicata a “Michelangelo e la Sistina”. Nel primo dei due settori in cui si articola questa sezione, vengono indagate le motivazioni che portarono il pontefice Giulio II a programmare il rifacimento integrale della volta della Cappella e ad affidare al Buonarroti l’incarico di eseguire la nuova decorazione.
Il secondo settore è incentrato sul Giudizio Universale, affrescato da Michelangelo sulla parete dell’altare tra il 1536 e il 1541 su incarico di Paolo III Farnese.
Una ampia sezione è poi dedicata a “I restauri” e comprende un panorama dei più significativi restauri che hanno interessato la Cappella Sistina, a partire dall’intervento di Daniele da Volterra, incaricato di apporre le famose “brache” a certe figure, a seguito della decisione del Concilio di Trento del 21 gennaio del 1564.
Accanto ad uno spettacolare apparato iconografico, anche multimediale, proposto in modo estremamente scenografico, la mostra riunisce una ampia documentazione storica, con prestiti concessi di diversi musei e istituzioni. Tra i documenti originali concessi, più disegni e schizzi autografi di Michelangelo, alcuni scritti del medesimo riferibili ai lavori in Sistina, oltre a bronzi, medaglie, tele rinascimentali, ecc. E perché no?, la musica: quella sistina, composta appositamente nel Cinquecento per la cappella, a far da sfondo a proiezioni video che permetteranno di vedere, a un palmo di naso, quel che dal vivo, ahinoi, resta troppo alto e lontano.

Fotogallery